Business Plan

Hai bisogno di un business plan per presentarti agli investitori, ad una banca o per un bando pubblico?

In soli 45 giorni, previa un’attenta analisi e attività di brainstorming insieme a te ed al tuo team, Grownnectia sviluppa il tuo Business plan con un team di oltre 30 professionisti grazie all’utilizzo del nostro innovativo framework: The Startup Canvas!®

Parti anche tu nel modo giusto e scegli il deck che più si adatta alle tue esigenze.

Scegli il pacchetto business plan più adatto alle tue esigenze

Se hai bisogno di un business plan per una pratica di finanziamento bancario o per la presentazione di un bando, STARTUP è il pacchetto adatto alle tue esigenze. Se devi invece presentarti a degli investitori e necessiti di un deck completo, che comprenda anche un Elevator pitch, una Pre money evaluation altre al business plan, INVESTOR DECK è il pacchetto corretto. Se devi sviluppare un business plan per una azienda o corporate con un piano industriale orientato ad una operazione di M&A o di internazionalizzazione, il piano SCALE UP è ciò che fa per te.

BUSINESS PLAN STARTUP
€ 1.400
1.200
30 giorni
Hai bisogno di un business plan per una banca o per un bando?
BUSINESS PLAN (descrizione prodotto/servizio, analisi di mercato, modello di business, piano operativo/organizzativo, team)
FINANCIAL PLAN (Conto economico 3-5 anni annuale)
NDA
INVESTOR DECK
€ 3.900
3.590
45 giorni
Ti serve la documentazione completa per gli investitori con la valutazione della tua startup?
THE STARTUP CANVAS®
BUSINESS PLAN (descrizione prodotto/servizio, analisi di mercato, analisi competitor, business model, The startup canvas®, strategia marketing, piano marketing, sviluppo tecnologico, proprietà intellettuale, piano operativo/organizzativo, team)
ELEVATOR PITCH
FINANCIAL PLAN (Analisi economico-finanziaria 5 anni-mensilizzata 36 mesi)
VALUTAZIONE PRE MONEY
NDA
EXECUTIVE SUMMARY
6 ORE DI MENTORING INCLUSE
Offerta affiliate pro
BUSINESS PLAN SCALE UP
€ 6.900
4.900
45 giorni
Hai un'azienda e hai bisogno di un business plan per una operazione di M&A o di scale up?
BUSINESS PLAN (descrizione prodotto/servizio, analisi di mercato, analisi competitor, business model, The startup canvas®, strategia marketing, piano marketing, sviluppo tecnologico, proprietà intellettuale, analisi SEO competitor, piano operativo/organizzativo, team)
ELEVATOR PITCH
COMPANY PROFILE
FINANCIAL PLAN (Analisi economico-finanziaria 5 anni-mensilizzata 60 mesi, calcolo premoney value, investor perspective)
VALUTAZIONE PRE MONEY
ANALISI BILANCI
NDA
EXECUTIVE SUMMARY
8 ORE DI MENTORING INCLUSE

Cos’è un business plan

Il business plan è il piano d’azione, dove vengono analizzati i tuoi principali competitors, quali sono le loro caratteristiche, quale è il piano di marketing, viene analizzato il mercato con la relativa quota da aggredire, le strategie di go to market, il piano economico finanziario, l’innovazione portata dal tuo prodotto o servizio, il team e molto altro. Un business plan viene utilizzato sia per la pianificazione e gestione aziendale che per la comunicazione esterna, in particolare verso potenziali finanziatori o investitori.

È il documento che i finanziatori vogliono vedere per capire quali sono le reali opportunità di business in relazione al mercato che volete aggredire e come pensate di acquisire clienti o utenti. Il tutto dovrà essere riportato su un piano economico/finanziario quinquennale, mensilizzato e comprendente i principali indicatori necessari a trasferire al meglio le potenzialità del tuo business.

Ora che hai finalmente ideato il tuo progetto, per poter strutturare una attività di fund raising efficace , affidati ad un advisor e sviluppa un business plan autorevole e ben strutturato.

 

A cosa serve un business plan

1
PER PARTECIPARE ALLE STARTUP COMPETITION

Se vuoi presentarti ad un investitore devi essere strutturato a livello documentale. Il business plan è il documento principale che riassume la tua idea di business

2
PER PARTECIPARE A BANDI PUBBLICI

Se desideri partecipare ad un bando Europeo, come uno SME Instrument, o a bandi regionali o ad un bando Invitalia, è fondamentale avere un Business Plan ben strutturato come richiesto dai soggetti di cui sopra

3
PER PRESENTARTI AGLI INVESTITORI

Sono sempre di più le startup competition a cui puoi applicare. Oltre l’elevator pitch, spesso richiedono oramai anche un Business Plan comprendente un piano economico/finanziario. Non farti trovare impreparato.

4
PER STRUTTURARE LA STRATEGIE DI CRESCITA DELLA TUA STARTUP

Il business plan non serve solo per portarlo all’esterno della tua azienda, ma soprattutto al tuo interno per condividere delle strategie chiare con tutto il tuo team ed avere degli obiettivi tangibili sin dall’inizio

Vuoi conoscere il dettaglio e le differenze tra i pacchetti che proponiamo?

Per ogni business plan, qui di seguito, sono definiti i documenti prodotti e le attività comprese nel pacchetto:

I documenti che realizziamo:

5
Business plan

Il business plan è il documento principale che riassume tutte le strategie del progetto e della tua idea di business. Ne analizza il mercato e la tua roadmap con le strategie di go to market. Fornisce anche un valore pre money alla tua azienda che ti sarà fondamentale per poterti presentare agli investitori

6
Financial Plan

Il Financial Plan è il documento che riassume attraverso indicatori, assumption, razionali economico/finanziari lo sviluppo del tuo progetto, in termini di tempi e costi, mensilizzando tutti i tuoi investimenti e ipotizzando i tuoi futuri ricavi

7
Pitch deck

Il pitch deck è sviluppato in modalità Kawasaki e riassume in una decina di slides, accattivanti dal punto di vista grafico, l’idea di business e che risultati potrà dare, senza entrare nelle strategie, ma avendo come principale obiettivo il destare curiosità ad un investitore per portarlo a convertire in un nuovo incontro di approfondimento con la startup

8
Executive Summary

L’ Executive Summary è un documento che riassume il business plan in poche pagine, al fine di poter dare in maniera rapida ed efficace tutte le informazioni chiave ad un investitore attraverso una lettura veloce

9
Nda

Il Non disclosure agreement è un accordo di riservatezza che dovrai utilizzare per scambiare con terzi la documentazione riservata della tua startup, tra cui il Business Plan stesso

10
One Page/Teaser

Il teaser è un documento di una pagina che concentra in poco spazio le informazioni chiave del tuo progetto, al fine di approcciare inizialmente ad un investitore per rendere appetibile il tuo progetto. L‘obiettivo è creare il giusto livello di curiosità che possa portarlo a chiederti un follow up o un incontro

La struttura di un Business Plan

Ti forniamo un esempio di business plan al fine di farti comprendere al meglio la sua importanza e la sua duplice valenza: come biglietto da visita e come strumento di pianificazione e verifica degli step e degli obiettivi prefissati al fine di essere efficace nel rapporto con qualsiasi ente o investitore debba finanziare la tua idea imprenditorale:

1. Disclaimer

Importante prevenire qualsiasi futuro problema legale per la tua startup non essendo una attività di sollecitazione al pubblico risparmio ma semplicemente una presentazione delle potenzialità del tuo progetto a potenziali investitori professionali interessati a sostenere il progetto con un investimento nel capitale di rischio

2. L’azienda

Va presentata l’azienda con tutti quegli aspetti di fondamentale importanza che l’investitore vuole conoscere e la sua forma giuridica

3. Mission e vision

Va trasferita all’investitore la vision che si ha e come vogliamo arrivare a quegli obiettivi. Si deve dare anche risalto alla motivazione, un aspetto molto importante per un progetto imprenditoriale. Molto spesso si tende a sottovalutare questo aspetto, ma in realtà è fondamentale per un investitore capire quali sono le motivazioni che portano a scegliere la strada del rischio imprenditoriale

4. Prodotti e servizi

Va spiegato il prodotto e l’innovazione che porta sul mercato di cui un sotto paragrafo comprende anche i competitor e i futuri prodotti e servizi. Bisogna partire con una descrizione sintetica dell’idea imprenditoriale, che prodotto o servizio abbiamo creato, le caratteristiche tecniche, i punti di forza e di debolezza e il prezzo

5. Needs

Ogni startup parte da un problema. E’ fondamentale quindi far comprendere che need si va a risolvere e quale è il target di clientela a cui ci si rivolge

6. Mercato

In questo paragrafo viene analizzata la quota di mercato in cui il tuo progetto si inserirà e quali sono le prospettive future (TAM SAM SOM) i relativi trend va fatta una analisi PEST ed una analisi SWOT si analizzano le dimensioni la domanda e i target obiettivo. In questa parte dobbiamo mostrare i risultati della nostra indagine di mercato, il target di riferimento, la concorrenza e il trend del settore

7. Modello di business e milestones

Importantissimo analizzare il business model della startup i canali di revenue previsti come e quando attivarli che risultati si prevede diano e come andranno attivati. Il tutto andrà corredato da una roadmap di sviluppo. Vanno anche analizzati gli strumenti per il raggiungimento degli obiettivi. In questa sezione dobbiamo inserire tutto ciò che è funzionale al raggiungimento dei nostri obiettivi di business come una descrizione della sede produttiva, il processo di produzione, le tecnologie utilizzate e un elenco dei fornitori (se presenti)

8. Strategie di Marketing on line ed off line

Va sviluppato un piano di marketing per capire che canali attivare . Qui è richiesta la creazione di un piano di marketing consono alla ricerca di mercato. Bisogna utilizzare la regola delle 4P del marketing che include: prodotto, prezzo, punto vendita e promozione. Altro aspetto da non sottovalutare anzi fondamentale è relativo alla creazione di una buyer persona a cui rivolgere il nostro piano

9. Team e piano organizzativo

La prima cosa che un investitore guarda è il team! Per cui un intero paragrafo è dedicato al team al piano assunzioni ed al piano organizzativo. In questo caso bisogna indicare le professioni e le esperienze precedenti. Bisogna definire i ruoli e le funzioni interne ed esterne (se necessarie) da implementare nel team. Chiude una parte dedicata al coordinamento e la gestione delle risorse umane. In questa parte si dovrà anche analizzare l’organizzazione societaria, dovrà includere l’organico aziendale e i relativi cv e mansioni di ogni singolo dipendente, nonché l’inquadramento professionale di ognuno di loro. Da non dimenticare l’aggiunta del piano di lavoro, gli orari e i turni di lavoro

10. Piano Finanziario

In questo paragrafo si riporta tutto ciò che si è in dettaglio analizzato nel documento del financial plan per cui si analizza il conto economico il piano finanziario la premoney evalutation e il bilancio. Qui bisogna dare risalto ai dati economici – finanziari. Bisogna sottolineare tutte le fonti di finanziamento, i metodi e le modalità di rimborso. Più nello specifico bisogna inserire la previsione dei costi di gestione, il conto economico e i ricavi di esercizio

Quali sono i moduli che compongono il financial plan?

  • Drivers e assumption

    Vengono definite attraverso ricerche di mercato e di settore le assumption e i driver su cui strutturare il modello economico finanziario

  • Previsione delle vendite

    Si effettua una proiezione a 5 anni mensilizzata dei ricavi, basandosi su metriche di mercato reali

  • Previsione dei costi

    Si effettua una proiezione a 5 anni mensilizzata dei costi, basandosi su metriche di mercato reali e rispetto le strategie di crescita analizzate

  • Piano del personale

    Si effettua una proiezione a 5 anni mensilizzata dei del piano assunzioni, con costi per singola risorsa e figure da assumere

  • Prestiti e investimenti

    Si analizza in una situazione a 5 anni mensilizzata la struttura finanziaria necessaria per rendere sostenibile il progetto, sia con interventi in equity, che a debito

  • Conto economico

    Si crea un conto economico previsionale mensilizzato a 5 anni al fine di capire lo sviluppo della startup, l’EBIT che si prevde di ottenere annualmente ed il tasso di crescita


  • Bilancio

    Si crea un bilancio previsionale per ogni annualità, con tutti i relativi indicatori, composto da una situazione patrimoniale ed un conto economico

  • Rendiconto finanziario e cash flow

    Si inserisce nell’analisi anche un rendiconto finanziario per l’analisi delle disponibilità di cassa previsionali al fine di avere una idea chiara di quanta liquidità crei la società

  • Breakeven

    E’ importante analizzare quando si raggiunge la soglia del break even degli investimenti, anche per dare evidenza all’investitore del tempo necessario per ottenerla e del livello di rischio relativo all’investimento

  • Capex & Working capital

    Al fine di avere una analisi puntuale delle disponibilità di cassa si analizza il capitale circolante

  • Pre Money Evaluation

    Si analizza tramite vari metodi: VC, DCF, Multipli, altri, il valore pre money della startup al fine di comprendere a fronte dell’equity richiesto le quote da cedere

  • Grafici e tabelle

    Si riassume in una serie di report e tabelle il contenuto di tutto io financial plan per dare evidenza grafica immediata del modello di crescita

  • Drivers e assumption

    Vengono definite attraverso ricerche di mercato e di settore le assumption e i driver su cui strutturare il modello economico finanziario

  • Previsione delle vendite

    Si effettua una proiezione a 5 anni mensilizzata dei ricavi, basandosi su metriche di mercato reali

  • Previsione dei costi

    Si effettua una proiezione a 5 anni mensilizzata dei costi, basandosi su metriche di mercato reali e rispetto le strategie di crescita analizzate

  • Piano del personale

    Si effettua una proiezione a 5 anni mensilizzata dei del piano assunzioni, con costi per singola risorsa e figure da assumere

  • Prestiti e investimenti

    Si analizza in una situazione a 5 anni mensilizzata la struttura finanziaria necessaria per rendere sostenibile il progetto, sia con interventi in equity, che a debito

  • Conto economico

    Si crea un conto economico previsionale mensilizzato a 5 anni al fine di capire lo sviluppo della startup, l’EBIT che si prevde di ottenere annualmente ed il tasso di crescita

  • Bilancio

    Si crea un bilancio previsionale per ogni annualità, con tutti i relativi indicatori, composto da una situazione patrimoniale ed un conto economico

  • Rendiconto finanziario e cash flow

    Si inserisce nell’analisi anche un rendiconto finanziario per l’analisi delle disponibilità di cassa previsionali al fine di avere una idea chiara di quanta liquidità crei la società

  • Breakeven

    E’ importante analizzare quando si raggiunge la soglia del break even degli investimenti, anche per dare evidenza all’investitore del tempo necessario per ottenerla e del livello di rischio relativo all’investimento

  • Capex & Working capital

    Al fine di avere una analisi puntuale delle disponibilità di cassa si analizza il capitale circolante

  • Pre Money Evaluation

    Si analizza tramite vari metodi: VC, DCF, Multipli, altri, il valore pre money della startup al fine di comprendere a fronte dell’equity richiesto le quote da cedere

  • Grafici e tabelle

    Si riassume in una serie di report e tabelle il contenuto di tutto io financial plan per dare evidenza grafica immediata del modello di crescita

Chi ti seguira’ nello sviluppo del tuo deck?

Durante il programma sarai guidato da Massimo Ciaglia, tra i più qualificati startup coach dell’ecosistema startup, o da altri mentor di livello e da un team di advisor e professionisti, che ti seguiranno nelle attività.

Massimo Ciaglia Coach The Startup Canvas

Massimo Ciaglia

E’ uno degli startup coach e mentor più richiesti, innovatore, business angel e imprenditore seriale. Autore di “The startup Canvas. Il metodo per trasformare una idea in un successo sicuro”, best seller su Amazon

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial